Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Sri Lanka, quattro dopo giorni dopo la strage di Pasqua. Pompeo: "Attentati dell'Isis"

Sri Lanka, quattro dopo giorni dopo la strage di Pasqua. Pompeo: "Attentati dell'Isis"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

NEGOMBO (SRI LANKA) - Gli abitanti dello Sri Lanka cercano faticosamente di tornare alla vita normale, ma dopo gli attentati della domenica di Pasqua è impossibile.

Sono stati almeno nove gli attentatori kamikaze, istruiti e provenienti da famiglie benestanti. I loro attacchi hanno ucciso quasi 360 persone.

"A volere la strage è stato l'Isis"

Gli attentati sono stati rivendicati dall'Isis, in reazione ai fatti di Christchurch, in Nuova Zelanda, dove in marzo un suprematista bianco uccise 50 musulmani.

Subito dopo gli attentati, il portavoce del governo aveva attribuito la responsabilità della strage ad un gruppo islamista locale, il National Thowheeth Jama'ath (NTJ), che potrebbe essere stato il "braccio armato" degli attentati.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo.

il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, conferma che "ogni indicazione" porta proprio all'Isis come ispiratore degli attacchi.
Se cosi fosse, sarebbe il più sanguinoso attentato del sedicente stato islamico.

L'intelligence degli Stati Uniti sta ora raccogliendo informazioni sulla possibile relazione dei terroristi con l'Isis.

La comunità musulmana teme vendette

"Non venire, non venire, perché qui ci sono persone che vogliono vendicarsi, non possiamo controllarle".
Mohammad Sofaddin
responsabile Grande Moschea di Negombo

In Sri Lanka, intanto, la comunità musulmana di Negombo vive nella paura. In molti temono possibili rappresaglie da parte dei loro vicini cristiani.

"Parlo con i miei amici a cui chiedo 'come posso venire a farvi le mie condoglianze?', spiega il responsabile della Grande Moschea di Negombo, Mohammad Sofaddin, "...e loro rispondono: 'Non venire, non venire, perché qui ci sono persone che vogliono vendicarsi, non possiamo controllarle. Capiamo i tuoi sentimenti, va bene cosi".

Mohammad Sofaddin, davanti alla Grande Moschea di Negombo.

Sri Lanka multiculturale, ma con tensioni

Lo Sri Lanka è un'isola-nazione multiculturale, in cui convivono buddhisti, musulmani e cristiani. Ma non mancano le tensioni tra le varie comunità.

Mohammad Ramzin.

"Certo, abbiamo molta paura, ci sono molte famiglie con bambini", spiega Mohammad Ramzin, residente di Negombo.
"Non siamo in grado di mandare i nostri figli a scuola, dopo quello che è successo. Qui qualunque cosa potrebbe accadere in qualsiasi momento, e questa è la nostra paura..."