Duplice omicidio, ergastolo

Duplice omicidio, ergastolo
La decisione di Corte appello dopo 7 ore di camera di consiglio
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 20 MAR - Condanna all'ergastolo per Sadik Dine, accusato degli omicidi di Silvio Mannina, trovato cadavere in una cava di Santarcangelo di Romagna, e dell'ex compagna Lidia Nusdorfi, uccisa alla stazione di Mozzate, nel Comasco, tra il 28 febbraio e il primo marzo 2014. È la decisione della Corte di assise di appello di Bologna, arrivata dopo sette ore di camera di consiglio. I giudici hanno accolto la richiesta del sostituto procuratore generale Valter Giovannini di riformare la sentenza di primo grado, a Rimini, quando Dine venne condannato a cinque anni per l'occultamento di cadavere, ma assolto per il duplice assassinio. Del delitto erano accusati anche il nipote di Dine, l'albanese Dritan Demiraj e la sua amante Monica Sanchi. Il primo, condannato all'ergastolo, dopo un pestaggio in carcere è stato dichiarato incapace di affrontare il processo, mentre Sanchi, condannata a 30 anni e malata da tempo, è morta a inizio febbraio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco