Da Miami l'attacco di Trump a Maduro

Da Miami l'attacco di Trump a Maduro
Diritti d'autore Reuters / Kevin Lamarque
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ai funzionari venezuelani: "Non aiutate Maduro a stare in piedi".

PUBBLICITÀ

Nel melting pot di Miami, dove vive la più numerosa comunità venezuelana al mondo, il presidente americano Donald Trump parla dell'alba di un nuovo giorno in America Latina. Un giorno che - per Trump - non prevede la permanenza in carica di Nicolás Maduro

"E oggi - dice Trump - ho un messaggio per ogni funzionario che sta aiutando a mantenere in piedi Maduro. Gli occhi del mondo intero sono su di voi oggi, ogni giorno, ogni giorno, e ogni giorno nel futuro. Non potete sottrarvi alla scelta che ora vi si prospetta. Potete scegliere di accettare la generosa offerta di amnistia del presidente Juan Guaidó per vivere la vostra vita in pace con le vostre famiglie e i vostri connazionali".

Per Maduro, che non cede sulle presidenziali invocate dall'opposizione e sul veto all'ingresso degli aiuti umanitari americani, si tratta di un déjà-vu: il film già visto dell'ingerenza degli Stati Uniti in America Latina.

"Credono, con la loro arroganza e il loro disprezzo per noi, di essere i proprietari del Paese e -sostiene Maduro- Donald Trump pensa di avere il potere di dare ordini e che le forze armate nazionali li eseguiranno. È un'offesa alla dignità e una vergogna".

Da Miami, Donald Trump ha ribadito la condanna nei confronti di Maduro e delle sue politiche che affamano il Venezuela. Gli Stati Uniti - ha detto - sostengono Guaidó, riconosciuto come il legittimo presidente del Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni

Usa, Trump non trova i soldi per multa da mezzo miliardo per frode a New York

Primarie Usa: Joe Biden e Donald Trump vincono la nomination, correranno di nuovo per la Casa Bianca