ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aurora (Usa): impiegato spara sul posto di lavoro, cinque ex colleghi uccisi

Aurora (Usa): impiegato spara sul posto di lavoro, cinque ex colleghi uccisi
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'ennesima tragica sparatoria negli Stati Uniti

AURORA (USA) - Un ex impiegato di una fabbrica che produce valvole, la Henry Pratt Company, ha aperto il fuoco sul posto di lavoro, ad Aurora, città di 200mila abitanti nei sobborghi di Chicago, nello stato dell'Illinois, uccidendo cinque persone e ferendo altrettanti agenti di polizia.

Licenziato, aveva minacciato vendetta

La sesta vittima è lo stesso uomo che ha aperto il fuoco, Gary Martin, di 45 anni.
È accaduto nel pomeriggio di venerd`ì, attorno alle 13.30 ora degli Stati Uniti.

Secondo alcuni testimoni, l'uomo sarebbe stato dipendente della stessa azienda per almeno quindici anni.
Ma due settimane fa ha ricevuto la lettera di licenziamento. E avrebbe minacciato vendetta.

La Polizia ha ucciso l'uomo che ha provocato la strage nella fabbrica di Aurora.

Secondo la Polizia di Aurora, si tratta di un "workplace shooting", una sparatoria sul luogo di lavoro, per motivi di risentimento personale.

"Per noi è una vergogna..."

"Per noi è una vergogna che queste tragiche sparatoria siano ormai diventate all'ordine del giorno nel nostro paese", dichiara il Sindaco di Aurora, Richard Irvin.
"Noi come società dobbiamo fare in modo che questi atti orribili non diventino una tragica abitudine".

Il Sindaco di Aurora, Richard Irvin.

Le condoglianze e le congratulazioni di Trump

Siopreso dalla notizia della sparatoria di Aurora mentre era in partenza per un week-end in Florida, il Presidente Trump ha immediatamente twittato: prima i suoi complimenti alle forze dell'ordine per aver bloccato l'uomo che ha causato la strage e poi le condoglianze alle famiglie delle vittime.

Un anno dopo Parkland

La sparatoria in fabbrica ad Aurora avviene all'indomani del primo anniversario della tragedia di Parkland, in Florida, quando un ragazzo di 19 anni, Nikolas Cruz, uccise 17 studenti all'interno del liceo Marjory Stoneman Douglas High School.
Era il 14 febbraio 2018.