Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: le ore più buie di Theresa May

Brexit: le ore più buie di Theresa May
Diritti d'autore
REUTERS/Hannah McKay
Dimensioni di testo Aa Aa

Londra- Seduta cruciale questo martedì, 29 gennaio, alla Camera dei Comuni, dove si votano le linee che la premier britannica Theresa May indicherà di voler seguire dopo la pesante bocciatura dell'accordo con Bruxelles .

Vari gli emendamenti al vaglio dei Comuni, tra gli altri quello del Tory Graham Brady: questo impegnerebbe Londra a negoziare con Bruxelles "soluzioni alternative" per garantire un confine post-Brexit senza barriere fra Irlanda e Irlanda del Nord al posto del backstop(meccanismo vincolante di salvaguardia contestato dai falchi a Londra, imprescindibile invece per Dublino).

Intervistato da euronews Graham Brady ha difeso il suo emendamento:

"È un'opportunità, per ribaltare il voto di due settimane fa. Basta un leggero cambiamento sul cosiddetto backstop: tutti sono d'accordo sulla temporaneità del meccanismo di slavaguardia. Si tratterebbe, ripeto, di una cosa temporanea, non permanente, Questo sia chiaro".

Al voto anche un emendamento in cui si chiede di rinviare la data della Brexit fissata per il 19 marzo. Cosa che, secondo molti, rischia di impantanare il processo di divorzio tra Londra e Bruxelles.