Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un lieto fine per Romeo e Giulietta

Un lieto fine per Romeo e Giulietta
Dimensioni di testo Aa Aa

Avete letto e riletto 'Romea e Giulietta' sperando ogni volta, irrazionalmente, in un finale diverso? Avete pianto guardando i film Zeffirelli e Luhrman tratti dal capolavoro di Shakespeare, immaginando un epilogo alternativo al suicidio dei due giovani amanti? Di sicuro l'hanno fatto gli studenti delle scuole superiori di Pordenone, dove sono in corso le lezioni-spettacolo del progetto "Solo il tuo nome mi è nemico" organizzato dall’associazione Thesis, che porta per la prima volta in teatro l’istituto giuridico della mediazione civile.

E dunque cosa sarebbe accaduto se Capuleti e Montecchi avessero "negoziato" invece di dimostrarsi irremovibili di fronte all'atavica faida fra le due famiglie? Se avessero ascoltato le ragioni e i bisogni dei due giovani amanti? Bè, secondo quanto hanno deciso gli studenti nel corso delle repliche che si sono susseguite da martedì 15 gennaio fra gli istituti Le Filandiere di San Vito al Tagliamento, Pujati di Sacile e Grigoletti (con gran finale nell’istituto Torricelli di Maniago venerdì 18), i due giovani avrebbero potuto rompere il muro di pregiudizi e ostilità che li separava - nel mondo di adulti che sì li aiutano, li sgridano li amano, li puniscono, ma non li ascoltano - e vivere insieme, e felici, il loro amore.

L'idea di fondo è far percepire l’assoluta e costante contemporaneità dei classici, facendo risuonare gli attualissimi e universali temi dell’opera: il potere e i limiti dell'agire nel "branco", il duplice valore delle emozioni nelle relazioni interpersonali (filtro o risorsa), la dinamica con cui si scatena l'aggressività e il conflitto, l'innamoramento come innesco per un positivo comportamento d’inclusione. Frutto di tutto questo, la mediazione, che, sul palco, dove le attrici Maria Ariis e Paola Salvi (anche autrici del testo e registe della lezione-spettacolo) erano nei panni delle madri di Romeo e Giulietta, è stata condotta dalle avvocate e mediatrici dell'Organismo di mediazione dell'Ordine degli avvocati di Pordenone, Grazia Pirozzi e Daniela Vaccher.

”Shakespeare, la mediazione e l’allenamento alla responsabilità”, progetto condotto nell’ambito della 21esima edizione di Adotta uno spettacolo, lo storica attività con la quale l’associazione Thesis di Pordenone da più di 20 anni porta il teatro fra i giovani e i giovani a teatro, ha coinvolto circa 1500 studenti di tutte le scuole superiori di Pordenone e provincia, cui si è aggiunto il gruppo mediatori della scuola media “Lozer”. E lo fa anche con iniziative come queste, che cercano di parlare ai giovani con i linguaggi dell’oggi (l’anno scorso ha avuto un successo al di là di ogni aspettativa il progetto dei Promessi sposi 2.0”), ma utilizzando i versi immortali dei grandi della letteratura.

I ragazzi, che hanno scelto il lieto fine agitando al termine dello spettacolo le cartoline verdi, sono adesso invitati a inviare un’ipotetica lettera (mail o videomessaggio in Mp4) che Giulietta o Romeo avrebbero potuto scrivere ai propri genitori.