EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un piano Marshall per l'Africa

Un piano Marshall per l'Africa
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ue-Africa: Forum a Vienna, Juncker illustra i primi risultati degli investimenti europei per sviluppo, istruzione e agricoltura

PUBBLICITÀ

L’alleanza Africa-Europa per gli investimenti sostenibili e il lavoro produce i primi risultati a tre mesi dal suo lancio. Ad elencarli il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel corso del Forum che si è svolto a Vienna, presieduto dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz e da Paul Kagame, presidente del Ruanda e dell’Unione Africana per il 2018.

Per il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani serve un piano Marshall per l’Africa finanziato con 50 miliardi del bilancio comunitario. che Un piano da sempre sostenuto dall’Unione europea perché questo resta il continente che attrae ancora troppi pochi investimenti.

In pratica creare opportunità per i giovani africani nelle loro terre anche per fermare i flussi migratori. “La migrazione ha purtroppo messo in ombra molte delle nostre azioni negli ultimi anni, ha ricordato Faki Mahamat, Presidente della Commissione dell’Unione Africana. Penso che dovremmo parlare apertamente senza tabù, quello che dirò è molto forte: la gioventù africana non è interessata a lasciare la propria terra.”

Intanto Bruxelles ha annunciato anche 3 milioni di euro per la creazione di un’area di libero scambio nell’Ua e la creazione di quattro “task force” congiunte per agricoltura, economia digitale, energia e trasporto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lotta all'inquinamento, resistenza in Irlanda allo stop all'uso della torba come combustibile

Georgia, la presidente non promulgherà la "legge sugli agenti stranieri": No a un ritorno al passato

"LEuropa sia più audace": Nicolas Schmit espone le priorità per i socialdemocratici