Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Theresa May: "Combatterò la mozione di sfiducia"

Theresa May: "Combatterò la mozione di sfiducia"
Diritti d'autore
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Presentata una mozione di sfiducia per Theresa May all'interno del suo partito. La premier ha chiesto un voto immediato. Se dovesse essere sfiduciata dovrebbe dare le dimissioni da primo ministro. Theresa May in ha mattinata rilasciato una dichiarazione. Ecco cosa ha detto:

"Contesterò questo voto con tutta la mia forza. Sono stata membro del partito Conservatore per 40 anni. L'ho servito come attivista, consigliere, deputato, ministro ombra, Segretaria di Stato per gli affari interni e ora primo ministro".

"Un cambiamento della leadership del partito conservatore ora - ha continuato - metterebbe a rischio il futuro del nostro Paese e creerebbe un'incertezza quando meno possiamo permettercelo. Un nuovo leader non sarebbe al suo posto entro la scadenza del 21 gennaio. Quindi l'elezione rischierebbe di dare il controllo della Brexit all'opposizione in parlamento. Un nuovo leader non avrebbe tempo di rinegoziare la bozza d'accordo e farla votare entro il 29 marzo. Quindi uno dei primi atti sarebbe estendere o rescindere l'articolo 50 (ndr. sul Trattato di Lisbona, è l'articolo sull'uscita dalla Ue)".

Se dovesse superare indenne il voto la premier avrebbe finalmente un po' di respiro. Secondo le regole del partito, non si potrebbe presentare una nuova mozione di sfiducia nei successivi 12 mesi. E potrebbe così continuare, senza colpi bassi da parte dei suoi, gli incontri con i leader europei per mettere a punto il backstop sull'Irlanda del Nord, il punto più controverso dell'accordo per la Brexit.