Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cosa pensano gli ucraini della legge marziale?

Cosa pensano gli ucraini della legge marziale?
Dimensioni di testo Aa Aa

Cosa pensano gli ucraini della situazione attuale e dell'imposizione della legge marziale nel loro paese? La nostra collega Nataliia Liubchenkova lo ha chiesto ad alcune persone provenienti da diverse zone del paese.

Le prime persone interpellate sono un giovane manifestante sceso in strada a Mariupol e un uomo d'affari di Lyman. Entrambi hanno detto di non essere sorpresi dalla decisione presa dal parlamento ucraino e di non essere preoccupati dall'imposizione della legge marziale.

Decisamente meno ottimista è Tetyana Karpuhina, direttrice dell'organizzazione "Pilgrim" a Mariupol, nella regione di Donetsk. Karpuhina ha espresso il timore che la recente escalation si possa trasformare in un conflitto destinato a durare per anni.

Le relazioni tra Ucraina e Russia hanno attraversato un altro periodo turbolento dopo che la marina russa ha sequestrato tre navi ucraine nel mare di Azov.

Leggi anche ➡️ Ucraina: cos'è e come funziona la legge marziale

Il parlamento ucraino ha approvato una mozione del presidente Petro Poroshenko per imporre la legge marziale per 30 giorni - dal 28 novembre al 27 dicembre - e ha chiesto aiuto alla Nato.

In un'intervista alla Nbc Poroshenko ha intimato al presidente russo Vladimir Putin di "uscire dall'Ucraina", per poi ribadire il concetto in alcune interviste ai media tedeschi, in cui ha accusato il presidente russo di voler annettere l'intero paese.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato su Twitter di aver annullato il suo incontro con Putin al prossimo vertice del G20 a Buenos Aires a causa delle tensioni tra Ucraina e Russia.