Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Gilet Gialli di nuovo in piazza sabato prossimo

Gilet Gialli di nuovo in piazza sabato prossimo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ripulite le strade del centro di Parigi dopo gli scontri alla manifestazione dei “Gilet Gialli” che hanno infocato gli Champs Élysées arrivano le reazioni.

A partire da quella dei parigini. Il bilancio di quella che doveva essere una protesta di piazza si è trasformata in un ring, con feriti, oltre 100 fermi e ingenti danni. "Ecco questo è lo scenario, dice un signore, diversi negozi devastati, bruciati, vetrine rotte. E tutto questo accade nel periodo natalizio quando qui a Parigi vengono tanti turisti, un danno per il commercio e il paese.”

Con un tweet arriva la presa di posizione del Presidente Emmanuel Macron che ringrazia il lavoro delle forze dell’ordine, il loro coraggio e la professionalità e fa sapere che in Francia non c'è posto per queste violenze.

Macron non sembra aver intezione di cedere e il movimento annuncia una nuova mobilitazione, chiedendo al capo dell’Eliseo l'annullamento delle tasse sul carburante. In caso contrario dimissioni immediate. In campo ora scende anche il Ministro dell’Economia e delle Finanze Bruno Le Maire che in diretta tv fa sapere che è arrivata l’ora di ascoltare attentamente, con rispetto e consideratione, tutti quei francesi che non sono stati ascoltati per anni e anni.

Il ministro dell'Interno Cristophe Castaner punta il dito contro l’estrema destra Marine Le Pen per aver fomentato tanta rabbia tra la gente. Accuse rispedite al mittente dalla leader dell'ex Front National che accusa il governo di aver fatto salire deliberatamente la tensione per usarla come capro espiatorio.

Secondo i dati ufficiali, sabato in tutta la Francia, sono scesi in piazza oltre 10.000 "Gilet Gialli ", 8.000 solo a Parigi, una cifra inferiore rispetto a una settimana fa. Ma i leader del movimento annunciano per il 1 dicembre blocchi e cortei al grido di: "in strada 5 milioni di francesi."