ULTIM'ORA

Polemiche sul Pentagono per l'uccisione di civili in Siria e Iraq

Edward Gallagher, l'ufficiale USA indagato per crimini di guerra
Edward Gallagher, l'ufficiale USA indagato per crimini di guerra
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli Stati Uniti continuano a negare che alcun civile sia stato ucciso nei recenti raid aerei condotti dalla coalizione sulla provincia siriana orientale di Deir Ezzor, dove ancora permangono consistenti sacche di resistenza armata da parte dello Stato Islamico.

Secondo i dati diffusi dall'osservatorio siriano per i diritti umani almeno 40 civili - in maggioranza donne e bambini - sarebbero rimasti uccisi nei bombardamenti. In particolare, i raid avrebbero colpito zone residenziali nei villaggi attorno alla città di Hajin, al confine con l'Iraq.

Notizie che ora rischiano di assestare un ulteriore colpo di immagine al Pentagono, sommandosi al procedimento giudiziario appena iniziato nei confronti di Edward "Eddie" Gallagher, ufficiale veterano e pluridecorato dei Navy SEALs, accusato da una corte militare di una serie infinita di crimini di guerra compiuti, a quanto sembra, durante le operazioni per la liberazione della città irachena di Mosul dalle forze dello Stato islamico.

Tra la lunga lista di orrori attribuiti a Gallagher ci sarebbe il fuoco indiscriminato sui civili, l'uccisione con un coltello di un prigioniero adolescente e l'intimidazione dei commilitoni che erano cosÌ sconcertati dalle sue azioni che sembra avessero iniziato a sabotarne il fucile da cecchino e a sparare colpi d'avvertimento per mettere in fuga i civili, prima che fossero uccisi dai suoi proiettili. "Eravamo arrivati al punto in cui passavamo più tempo a proteggere i civili che a combattere lo Stato islamico" avrebbero dichiarato alcuni soldati della sua squadra in un'udienza preliminare.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.