ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: forse c'è una bozza d'accordo. May riunisce gabinetto

Brexit: forse c'è una bozza d'accordo. May riunisce gabinetto
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Regno Unito e l’Unione Europea avrebbero raggiunto una bozza di accordo sulla Brexit. Da quello che trapela il testo sarebbe una bozza di oltre 400 pagine. Il primo ministro britannico ha quindi convocato una riunione straordinaria dei ministri più interessati per questo mercoledì 14 novembre.

L’ostacolo maggiore riguarda il confine irlandese. Se cioè avere un confine rigido fra la Repubblica d’Irlanda, stato dell'Unione Europea e l’Irlanda del Nord, regione del Regno Unito. Per risolvere il problema Bruxelles propone di far rimanere l’Irlanda del Nord nell’unione doganale e nel mercato comune europeo, mentre Londra sostiene che questa soluzione minacciasse la propria integrità territoriale.

Secondo le indiscrezioni l’intero Regno Unito dovrebbe rimanere nell’unione doganale fino all’entrata in vigore di un accordo commerciale più comprensivo, ma l’Irlanda del Nord dovrebbe mantenere un rapporto più “profondo” con l’UE.

I dubbi di alcuni dei pro brexist più in vista come l'ex ministro degli esteri Boris Johnson: "Si è discusso a lungo e credo che quest termini nn sarebbero accettati dal parlamento o dal popolo perché vanno contro quel mandato che è stato dato allla May nel giugno del 2016".

Jacob Rees-Mogg, euroscettico: "Ci manterrebbe nell'Unione doganale e di fatto nel mercato comune come uno stato vassallo. È un fallimento delle nostre posizioni negoziali e del governo".

Diverse fonti stanno comunque invitando a prendere con cautela questa specie di pre accordo. I rappresentanti diplomatici permanenti dei 27 paesi presso l’UE si incontreranno per discutere dello stato delle trattative.

Se i ministri britannici dovessero trovareabbastanza punti comuni, nei prossimi giorni potrebbe essere fissata una riunione straordinaria del Consiglio Europeo, organo informale che riunisce i capi di stato e di governo della unione europea, per discutere ed eventualmente appoggiare l’accordo. La notte per la May insomma, rischia di essere ancora lunga.