ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: lunedì la conferenza a Palermo

Lettura in corso:

Libia: lunedì la conferenza a Palermo

Libia: lunedì la conferenza a Palermo
Dimensioni di testo Aa Aa

In vista della conferenza di Palermo sulla Libia il 12 e il 13 di novembre Al-Serraj il leader del govrno di accordo nazionale fa appello alla comunità internazionale chiedendo "una visione comune" sulla soluzione nel paese.

L'italia cerca di organizzare questo summit - dice - per i suoi interessi verso il dossier libico. Ma questo richiede uno stato di consenso tra tutti i partiti. Che si tratti di quelli regionali, europei, la comunità internazionale, in modo che ci sia una visione comune verso la Libia.

L'inviato dell'Onu in Libia, Ghassan Salamè al Consiglio di sicurezza fa sapere che le elezioni dovrebbero tenersi nella primavera 2019.

E' ancora mistero su chi parteciperà alla conferenza di Palermo. Un summit organizzato e voluto dal governo italiano e dal primo ministro Conte, il cui obiettivo è quello di trovare una sintesi tra le forze presenti sul campo che possa portare alla road map verso le elezioni parlamentari.

Nonostante gli sforzi diplomatici fatti dall'esecutivo galloverde - Conte ha incontrato il generale Haftar ad ottobre e poi ancora la visita a Tripoli di Salvini lo scorso giugno e infine il viaggio del presidente del consiglio prima a Tunisi poi ad Algeri - per adesso non ci sono conferme ufficiali sui partecipanti al summit.

Le grandi potenze del mondo occidentale disertano. Merkel ha fatto sapere che non parteciperà la Francia ha detto da parte nostra massima attenzione, ma ancora riserbo su chi confermerà la presenza.

Da Mosca e Washington l'entusiasmo è tiepido. La Russia mira a stabilizzare la sua presenza nella regione al di là del risultato della conferenza. Trump dopo la benedizione a Conte - riconosciuto come leader della cabina di regia nella gestione della crisi nel paese, è interessato alle elezioni di midterm.