Trump ha paura dei migranti

Trump ha paura dei migranti
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'esercito USA schierato sui confini col Messico per fermare la carovana di migranti partita dall' Honduras. La paura di Trump davanti alle imminenti elezioni

PUBBLICITÀ

Contro quella che il presidente statunitense Donald Trump definisce "un'invasione" si mobilita l'esercito. Gli USA si sentono minacciati dalla carovana di migranti partita dall'Honduras in marcia verso il confine tra Messico e Stati Uniti. Per questo Trump schiera ben 15 mila uomini.

Donald Trump: "Non permetteremo a queste persone di entrare. Se vedete quello che è successo in Messico due giorni fa con la violenza di queste persone nella seconda carovana che si è formata, ed anche nella prima carovana. Adesso se ne sta formando una in Salvador. Adesso stiamo pensando seriamente di interrompere immediatamente gli aiuti a quei paesi. perché, francamente, non stanno facendo nulla per il popolo americano".

Il segretario alla Difesa degli Stati UNiti sostiene che non si tratta di una misura esagerata come alcuni hanno già definito.

James Mattis, Segretario di Stato alla difesa USA: "Il supporto che forniamo al segretario per la sicurezza nazionale è basato su cose pratiche e sulla richiesta del commissario delle dogane e della polizia di frontiera, non facciamo acrobazie in questo dipartimento".

Allarmato dalle imminenti elezioni Trump critica anche i numeri della carovana fatti dai media e prefigura masse molto più grandi di quanto viene detto. Spiega pure che "le donne e i bambini inquadrati in tv sono messi lì apposta per le telecamere. Mettono davanti le donne e i bambini, e non va bene".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

New York: Donald Trump condannato a pagare oltre 350 milioni di dollari

Processi a Donald Trump, prima udienza per il caso Stormy Daniels fissata il 25 marzo

Donald Trump "incoraggia" la Russia ad attaccare i Paesi della Nato che non pagano la loro parte