Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Francia: episodi di violenza in varie città, più di cento arresti

Francia: episodi di violenza in varie città, più di cento arresti
Diritti d'autore
REUTERS
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La polizia francese ha arrestato più di 100 persone in tutto il paese dopo gli episodi di violenza contro le forze dell'ordine registrati in diverse città nella notte tra mercoledì e giovedì.

A scatenare il caos sarebbe stata la bravata di un ragazzo di 19 anni che su Snapchat ha invitato i coetanei ad accanirsi sulla polizia durante la notte di Halloween.

Nel suo post il ragazzo ha usato il termine 'epurazione' ('purge' in francese), un riferimento a 'La notte del giudizio', film americano del 2013 ambientato in un futuro distopico in cui ai cittadini viene concesso un periodo annuale di dodici ore durante il quale tutte le attività criminali, incluso l'omicidio, diventano legali.

Il post su Snapchat è diventato virale sui social ed è stata preso sul serio da molte persone. A Parigi un negozio di abbigliamento sportivo a Seine-Saint-Denis è stato saccheggiato e gli agenti di polizia sono stati attaccati con l'acido mentre cercavano di arrestare i giovani che avevano rapinato un negozio di alimentari.

A Lione centinaia di giovani hanno molestato i passanti e la polizia nel centro della città, distruggendo le vetrine dei negozi e incendiando i bidoni della spazzatura.

Il ragazzo che ha postato il messaggio su Snapchat è stato arrestato e rilasciato su cauzione in attesa del processo, la cui prima udienza è fissata per il 28 novembre. Il giovane rischia una condanna fino a cinque anni di carcere e un'ammenda di 45mila euro.

"Halloween deve rimanere una celebrazione, parlare di epurazione non è uno scherzo, è una minaccia", ha detto giovedì il ministro degli Interni francese Christophe Castaner.