ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Impiccare i bianchi": le parole di una canzone rap scatenano una polemica in Francia

Lettura in corso:

"Impiccare i bianchi": le parole di una canzone rap scatenano una polemica in Francia

"Impiccare i bianchi": le parole di una canzone rap scatenano una polemica in Francia
Dimensioni di testo Aa Aa

Fino a poco tempo fa non lo conosceva nessuno, ora Nick Conrad, rapper della regione di Parigi, è riuscito finalmente a farsi notare. In uno dei suoi video, l'artista canta di "impiccare i bianchi".

Un video di nove minuti girato a Noisy-Le-Grand in Seine-Saint-Denis (93) dove si può vedere un "bianco" appeso ad una corda, seguito da un'altra sequenza, dove Nick Conrad infila una pistola in bocca ad'un altro uomo.

Anche le parole sono chiare: "Vado nelle scuole, uccido i bambini bianchi, prendeteli velocemente e impiccate i loro genitori, divideteli per passare il tempo, per intrattenere bambini neri di tutte le età, grandi e piccini. Picchiateli forte, fatelo onestamente, che puzza di morte, fateli sanguinare".

Dopo qualche ora, YouTube ha rimosso il video da tutte le sue piattaforme. Ma la polemica, avviata dagli utenti di Twitter, ha provocato la reazione di molti politici.

Non a caso, è stato il vicepresidente del Rassemblement National (RN), partito di estrema destra francese, Gilbert Collard, ad accendere la polemica. Pochi minuti dopo, Bruno Retailleau, senatore di Les Républicains della Vandea, ha comunicato la sua preoccupazione sui social network.

Appelli al governo che hanno raggiunto il loro obiettivo. Gérard Collomb, ministro dell'Interno, ha commentato: "E' totalmente inaccettabile usare parole come queste. Inoltre, quando sei un rapper, hai giovani tra i tuoi ascoltatori e così, poco a poco, impressiona la mente della gente ed è così che ti ritrovi con le peggiori perversioni della nostra società". Parole condivise da Benjamin Griveaux, il portavoce del governo.

Nel pomeriggio, Nick Conrad, cantante dai 368 iscritti sul suo canale Youtube, si è tuttavia difeso affermando che il suo obiettivo non era quello di invocare l'odio o di voler attirare l'attenzione su di sè. "Ho deciso di invertire il sistema in modo che tutti, bianchi e neri, si rendano conto della situazione che ci riguarda tutti", ha detto a RTL. "È un messaggio d'amore in profondità, più che un messaggio d'odio".

Non è detto che la delegazione interministeriale per la lotta al razzismo, all'antisemitismo e all'odio LGBT (Dilcrah) abbia compreso il significato "nascosto" delle parole. Questq afferma di aver deferito la questione al procuratore di Parigi per "incitamento all'odio razziale".