ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sul "ring" di Chemnitz non cessano le proteste neonazi

Lettura in corso:

Sul "ring" di Chemnitz non cessano le proteste neonazi

Sul "ring" di Chemnitz non cessano le proteste neonazi
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre le dimostrazioni di piazza a Chemnitz inneggiano al nazionalismo spicciolo dell'estrema destra il presidente dei Servizi interni tedeschi, Hans-Georg Maassen, ha affermato sulle pagine della Bild che non vi sono prove della "caccia all'immigrato" a Chemnitz.

La morte di un tedesco all'origine della protesta

Com'è noto da giorni, in seguito all'uccisione di un tedesco di 35 anni da parte di extracomunitari, nella città della Sassonia si è prodotta un'ondata di manifestazioni che hanno preso di mira i migranti. L'estrema destra neonazi si è impossessta della piazza e la cavalca per denigrare l'operato del governo e per "ridare la Germania ai tedeschi".

Non abbiamo problemi con gli stranieri se si integrano, se lavorano o vogliono lavorare e non impongono la loro cultura su di noi, queste devono essere le premesse perché la situazione della pubblica sicurezza sta peggiorando, sostiene un pensionato tedesco di destra presente alla manifestazione.

Le reazioni alle parole di Maassen

Le affermazioni di Maassen intanto hanno scatenato diverse reazioni politiche fra cui quelle della capogruppo dell'SPD al parlamento tedesco Andrea Nahles.

Andrea Nahles: Invece di prodursi in speculazioni il Signor Maasen dovrebbe fornire delle prove. Suo dovere è mirare ai nemici della costituzione. Le sue affermazioni hanno l'effetto opposto se non le giustifica subito.

Contromanifestazioni

A Chemnitz sono giunti in centinaia anche gli attivisti di sinistra per inscenare contromanifestazioni. È probabile che le proteste continuino nelle prossime ore.