Libia: migranti eritrei trasferiti in centri più sicuri

Libia: migranti eritrei trasferiti in centri più sicuri
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La notizia, stando ai media locali, è stata data dall'Alto commissariato Onu per i rifugiati. Sarebbero in tutto 400 persone, tra queste anche 20 bambini, erano rimasti abbandonati nei centri a est della capitale dopo gli scontri dei giorni scorsi

PUBBLICITÀ

Sono stati trasferiti in "un luogo più sicuro" i 400 migranti rimasti abbandonati nei centri gestiti dal governo di Tripoli, nell'area di Ain Zara, a sud-est della capitale dopo gli scontri dei giorni scorsi.

A renderlo noto i media locali che, citando l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr),  hanno reso noto che il trasferimento è  avvenuto "in coordinamento con altre agenzie e il Dipartimento per la lotta all' migrazione illegale.

I migranti, tutti di nazionalità eritrea, circa 200 uomini, 200 donne e almeno 20 bambini sotto i cinque anni, sono rimasti per tre giorni senza cibo e acqua.

Secondo il ministero della Salute di Tripoli, dall'inizio degli scontri, iniziati lunedì scorso, sono almeno 27 le persone rimaste uccise e 91 i feriti, tra cui diversi civili.

Nella notte, il ministero dell'Interno di Tripoli ha annunciato un nuovo cessate il fuoco nel sud della capitale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Di Maio in Egitto: "Cairo cruciale per stabilizzazione Libia"