"Israele stato ebraico", tutti contenti?

"Israele stato ebraico", tutti contenti?
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alcuni fra gli israeliani nutrono dubbi sulla legge

PUBBLICITÀ

La norma votata dal parlamento israeliano definisce il paese "lo stato nazionale per il popolo ebraico", rende l'ebraico la lingua nazionale e afferma che "gli insediamenti ebraici sono nell'interesse nazionale. Ovvia la reazione negativa dei popoli arabi ai confini e dei palestinesi, ma cosa ne pensano gli israeliani? Non tutti sono d'accordo.

Così una ragazza: "È una legge discriminatoria, problematica e non democratica e mi indispone come cittadina dello stato d'Israele. Ci sono leggi che vengono votate in questo paese e che non sono democratiche. Danneggiano le minoranze e quelli che non sono cittadini israeliani. Questo danneggia il nostro tentativo di eguaglianza in questo paese e di farne un paese che permetta a chiunque di avere uguali diritti".

Anche persone non più giovanissime non sono entusiaste della decisione della Knesset perché capiscono che ci potrebbero essere difficoltà con le nazioni confinanti: "Capisco che ogni paese debba avere la propria nazionalità, pur non ostacolando quelle vicine. Noi siamo il popolo ebraico e adesso abbiamo una legge nazionale che dice come Israele appartenga al popolo ebraico anche se le minoranze dovrebbero avere diritti come in ogni paese del mondo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I drusi israeliani 'emarginati' da Netanyahu

Israele: fine settimana di proteste contro Netanyahu, chieste nuove elezioni

Guerra a Gaza: bombe sull'ospedale Nasser, quindici morti nel sud del Libano