EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Russia 2018: Toni Kroos fa felice tutta la Germania

Russia 2018: Toni Kroos fa felice tutta la Germania
Diritti d'autore Reuters/Christian Mang
Diritti d'autore Reuters/Christian Mang
Di Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ad un passo dall'eliminazione, i campioni del mondo ribaltano il risultato e battono la Svezia per 2-1. Impazziti i tifosi tedeschi, in tutta la Germania e anche a Soci, dove si è giocata la partita. Ma ora, per andare avanti, bisogna battere la Corea del Sud.

PUBBLICITÀ

Il dramma calcistico di tutta la Germania era ormai in agguato, quando al 95' ha segnato Toni Kroos!

Che festeggia così sul suo profilo Twitter: "Siamo ancora vivi!"

2-1 per la Germania sulla Svezia e mondiali che rimangono apertissimi anche per i campioni del mondo in carica, che erano stati ad un passo dalla clamorosa eliminazione. 

A Berlino, davanti alla Porta di Brandeburgo, e a Soci - dove si giocava la partita - i tifosi tedeschi sono davvero impazziti...

"È pazzesco! Al 95° minuto...Toni Kroos, Toni Kroos, Toni Kroos, nessuno ci sperava più, fantastico, è una bella atmosfera, è una città fantastica, siamo così felici di essere arrivati dalla Germania e sono così felice di essere qui. Grazie Russia", urla Frank Fender, uno sfegatato tifoso della "Mannschaft". 

Lo scatenato tifoso tedesco Frank Fender urla il nome di Toni Kroos...

Delusi i tifosi (e le tifose) svedesi.

"Sono così triste, eravamo cosi vicini, così vicini alla qualificazione...penso che la Svezia sia stata la squadra migliore", commenta Anna Larsson, tifosa svedese. 

La tifosa svedese Anna Larsson dice: "Eravamo così vicini alla qualificazione"...

Ma la corsa alla qualificazione non è ancora finita: la Svezia affronterà il 27 giugno il Messico a Ekaterinburg, mentre - in contemporanea - la Germania sfiderà la Corea del Sud a Kazan.

Condividi questo articoloCommenti