EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il popolo giordano ancora in piazza contro il carovita

Il popolo giordano ancora in piazza contro il carovita
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Giornata di sciopero generale - indetto dai sindacati giordani - e nuove proteste in un Paese messo in ginocchio da deficit, tasse e disoccupazione

PUBBLICITÀ

Nuova giornata di proteste in Giordania, nell'ambito delle manifestazioni popolari contro il carovita e le politiche di austerità. Nonostante Re Abdallah abbia deciso di sciogliere il governo e nominare un nuovo premier, i giordani continuano a scendere in piazza. Nella giornata di mercoledì si è tenuto uno sciopero generale, indetto dai sindacati, nella capitale Amman e in altre città del Paese.

"Una volta formato, daremo al governo una possibilità. Poi decideremo quali saranno i prossimi passi. Se il governo soddisferà le nostre richieste, allora bene, altrimenti ci saranno ulteriori discussioni", ha spiegato il Presidente del sindacato medico giordano, il Dott. Ali Abous.

Proteste ad Amman

La situazione economica in Giordania è sempre più al limite. Il pesante deficit, il calo degli investimenti stranieri e degli aiuti internazionali, oltre al carovita e alla disoccupazione, preoccupano il popolo giordano, che da una settimana ha deciso di far sentire la propria voce.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa pensano i georgiani della nuova legge sull'influenza straniera?

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione