EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Belgrado, l'albero della discordia: 83mila euro per un abete in plastica

L'abete di plastica allestito in piazza a Belgrado
L'abete di plastica allestito in piazza a Belgrado
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Costa 4 volte di più dell'albero allestito davanti al Rockfeller Centre di New York. L'albero in plastica sitemato nella piazza principale di Belgrado sta costando all'amministrazione comunale ben più degli 83 mila euro spesi per l'acquisto. Per il sindaco anche una più salata accusa di corruzione

PUBBLICITÀ

L'albero della discordia. In questo si è trasformato il finto abete che le autorità di Belgrado hanno installato nella piazza principale di Belgrado. 83mila euro, tanto è costato all'amministrazione cittadina l'albero di Natale in pura plastica, oltre ovviamente a una serie infinita di polemiche e a una precisa accusa di corruzione. Un sito che indaga sui casi di malaffare politico ha descritto l'abete di 18 metri come il più costoso al mondo: costa ben 4 volte quello posizionato fuori dal Rockfeller Centre di New York.

Il sindaco Sinisa Mali ha reso noto che non era a conoscenza del costo dell'albero e che annullerà la compravendita, ma l'opposizione insiste che questo altro non è che un caso di corruzione e spreco di fondi pubblici.

"Questo non solo è l'albero di plastica più costoso al mondo, è anche un insulto che i cittadini di Belgrado non hanno mai sperimentato in vita loro", spiega il leader dell'opposizione cittadina. 

La società serba che ha installato il finto abete ha accettato di rescindere dal contratto e di lasciare, con fare magnanimo, l'albero nella piazza come contributo alle decorazioni delle feste di fine anno

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giovanni Toti ai domiciliari: il presidente della Liguria è accusato di corruzione

Ucraina: arrestato e poi rilasciato su cauzione il ministro dell'agricoltura Mykola Solsky

In Europa 821 reti criminali pericolose: l'86% può penetrare l'economia legale