EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Russia, Navalny sfida Putin alle presidenziali

Russia, Navalny sfida Putin alle presidenziali
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Considerato l'oppositore principale di Vladimir Putin, rilancia la sfida all'establishment del Cremlino

PUBBLICITÀ

In Russia e fuori è considerato l'oppositore principale di Vladimir Putin, e per questo ha sofferto arresti, processi e aggressioni. Alexei Navalny non intende però gettare la spugna, anzi in vista delle prossime elezioni presidenziali, rilancia la sfida all'establishment del Cremlino e rivendica il lavoro finora fatto.

"Siamo consapevoli che nonostante il boicottaggio dei media, tra le persone che si interessano di politica, la classe politica attiva, abbiamo già vinto. Ma in queste elezioni - se sarò ammesso a parteciparvi e avrò accesso ai mass media nazionali, la situazione può cambiare, dato che è molto instabile. Questa è la ragione principale del non farmi correre".

I sondaggi incoronano Putin ancor prima del voto, dunque l'eventuale candidatura di Navalny non dovrebbe preoccupare. Ma i suoi numerosi precedenti penali potrebbero fornire il pretesto per una sua esclusione.

"Non c'è una sola persona sana di mente che possa dirsi felice del regime di un vecchio pazzo che si immagina come un arbitro delle sorti del mondo, preso dalla guerra in Siria o con gli Stati Uniti o con Trump o per Trump. Nessuno capisce più cosa accade".

Navalny punta a raccogliere il malcontento di quella parte dell'elettorato russo che non si riconosce in Putin, e punta le sue carte sui social media, usando a fondo Twitter e Telegram, ma anche Youtube, per supplire così all'esclusione dai canali di informazione nazionali che restano sotto il rigido controllo del governo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin gioca a hockey e accusa gli Usa di fomentare l'Ucraina

In Russia la riunione dei ministri degli Esteri Brics, Lavrov: in aumento ruolo globale del gruppo

Russia, in manette un francese accusato di non essersi dichiarato "agente straniero"