ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

New York, l'attentatore voleva vendicare Gaza

Lettura in corso:

New York, l'attentatore voleva vendicare Gaza

New York, l'attentatore voleva vendicare Gaza
Dimensioni di testo Aa Aa

Times square, l'Empire state building, il nuovo World trade center, ma anche aeroporti, stazioni, tunnel e ponti. A New York, tutti i possibili obiettivi di un'azione terroristica, come quella tentata lunedì, sono sotto strettissima sorveglianza, adesso.

L'autore del fallito attentato è Akayed Ullah, ex tassista ventisettenne residente a Brooklyn, ma originario del Bangladesh. Aveva preparato un ordigno artigianale che è esploso in un tunnel stradale, vicino a una stazione di autobus non lontano da Times square. Il kamikaze ha riportato gravi ustioni, altre tre persone sono rimaste ferite in modo non grave. Arrestato e trasportato in ospedale, il giovane ha detto di aver agito per vendicare gli attacchi contro Gaza.

Il sindaco della Grande mela, Bill de Blasio ha detto:

"Si è trattato di un tentativo di attentato. Grazie a Dio l'esecutore non è riuscito a portarlo a termine, grazie a Dio tutti gli addetti sono riusciti a intervenire velocemente per mettere in salvo chi era presente."

La Casa Bianca: Proteggere le frontiere 

Dalla Casa Bianca un nuovo riferimento alla necessità di proteggere le frontiere, con una riforma dell'immigrazione in senso restrittivo e basata sul merito. Questo attentato, dopo l'ultimo attacco usando un camion, sempre a New York, a fine ottobre, anche l'America si sente sempre meno sicura sul proprio territorio.

.