EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina: Saakashvili arrestato e poi liberato dalla folla

Ucraina: Saakashvili arrestato e poi liberato dalla folla
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex governatore di Odessa (ed ex presidente georgiano) sospettato di attentare all'ordine costituzionale. Lui accusa il governo di Kiev: 'è una banda di corrotti'

PUBBLICITÀ

 Mikheil Saakashvili, ex presidente georgiano, nonché ex governatore di Odessa. era già nella macchina della squadra dei servizi speciali che lo stava portando via per un interrogatorio. I suoi sostenitori non hanno esitato a liberarlo, bloccando l'auto. 

Già la cattura dell'ex governatore era stata particolarmente rocambolesca. All'arrivo degli agenti, Saakashvili era scappato sul tetto dell'immobile in cui abita, nel centro di Kiev, minacciando di buttarsi giù. Poi però, invece di suicidarsi, aveva  preferito arringare la folla:

"Mi rivolgo ai cittadini di Kiev: non lasciate che s'istalli il caos dell'illegalità. Fermate Poroshenko e la sua banda, sono degli usurpatori! L'Ucraina è sotto una grave minaccia."

Con Poroshenko, anzi no

Perché Saakashvili, già caduto in disgrazia in Georgia, dove deve rispondere di abuso di potere e violenze, in Ucraina è diventato al'improvviso il campione della lotta contro la corruzione e un acerrimo nemico del presidente Petro Poroshenko. Tutto questo però, so`lo dopo che Poroshenko gli aveva tolto la nazionalità e il posto da governatore offertigli su un piatto d'argento nel 2015 (un anno dopo aver perso il passaporto georgiano).

Ora le autorità di Kiev lo accusano di essere in combutta con un oligarca amico dei russi, che lo avrebbe finanziato per rovesciare il capo dello stato. Rischierebbe fino a cinque anni di carcere per tentato golpe, sempre se riusciranno a processarlo.

La 'meraviglia' di Mosca 

Divertente e divertita la reazione di Mosca, che dice di seguire con interesse e meraviglia la vicenda di Saakashvili. 'Son cose che non si augurano neanche al peggior nemico', ha reso noto il Cremlino, notoriamente non amico né di Kiev né dell'ex georgiano che, nell'agosto del 2008, aveva dichiarato guerra all'Ossezia del Sud, una sconfitta lampo, in seguito all'intervento russo.   

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, divieto di espatrio? Poroshenko smentisce

La Georgia in piazza per chiedere la scarcerazione dell'ex presidente Mikheil Saakashvili

Poroshenko: "Bisogna de-putinizzare la Russia"