Saakashvili, il dissidente ucraino forza i blocchi e torna di forza nel Paese

Saakashvili, il dissidente ucraino forza i blocchi e torna di forza nel Paese
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex presidente georgiano e ex governatore di Odessa forza un blocco alla frontiera e rientra nel Paese. Aveva accusato Poroshenko, che poi gli ha tolto la cittadinanza, di corruzione

PUBBLICITÀ

L’ex presidente georgiano e ex governatore di Odessa Mikheil Saakashvili è tornato di forza in Ucraina, sfondando questa domenica un blocco di polizia che gli impediva di rientrare nel Paese. Tutto è avvenuto al check point di Medyka, al confine con la Polonia.
Espatriato negli Stati Uniti dopo che il presidente ucraino Poroshenko, suo ex alleato, lo aveva privato della cittadinza, Saakashvili ora lo sfida a viso aperto dopo averlo accusato, in passato, di alimentare la corruzione. Intorno a Saakashvili, un drappello di sostenitor.
Poche ore prima avevano tentato di entrare in treno in Ucraina ed erano stati bloccati. Poi l’atto di forza. Saakashvili intende partecipare alle elezioni ucraine per promuovere riforme e lottare contro la corruzione. Ma la sua figura è controversa: il politico, tra l’altro, è destinatario di una richiesta di estradizione per abuso di potere presentata da Tbilisi a Kiev.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Putin: "Colpire impianti energetici per influenzare industria ucraina"

Ucraina: Approvata legge sulla mobilitazione, scompare clausola su congedo dopo 36 mesi al fronte

Guerra in Ucraina, un missile russo uccide almeno una persona e ne ferisce 12 a Poltava