EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Londra vuole Brexit senza frontiere per l'Irlanda del Nord

Londra vuole Brexit senza frontiere per l'Irlanda del Nord
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Dopo la Brexit non dovranno esserci frontiere fisiche fra l’Irlanda e l’Irlanda del Nord. È la posizione del governo britannico chiamato a esprimersi su questo tema sensibile da Bruxelles. Circa 30.000 persone al giorno attraversano il confine di 500 chilometri senza controlli, una regione dove gli accordi di pace hanno messo fine a un trentennio di guerra civile.

Alcuni hanno espresso scetticismo sulla posizione di Londra, per Guy Verhofstadt è “fantasia restare dentro e fuori all’unione doganale”.

To be in & out of the Customs Union & “invisible borders” is a fantasy. First need to secure citizens rights & a financial settlement

— Guy Verhofstadt (@GuyVerhofstadt) 15 août 2017

“Vogliamo ribadire quanto detto già da Michel Barnier”, afferma Annika Breidthardt, portavoce della Commissione Ue. “Dobbiamo discutere come mantenere una zona di libero spostamento e come proteggere in tutti i suoi aspetti l’accordo del Venerdì santo del quale il Regno Unito è co-garante. È essenziale avere una discussione politica su questo punto prima di esaminare soluzioni tecniche”.

Il Regno Unito vorrebbe anche due anni di transizione morbida, durante i quali mantenere l’unione doganale, ma Bruxelles ripete che prima di intraprendere i negoziati commerciali si devono risolvere tre questioni: oltre a quella dell’Irlanda del Nord, la sorte dei cittadini europei e i pagamenti dovuti da Londra all’Unione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il futuro dell'Europa secondo il premier irlandese

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea

Una vittoria dei laburisti potrebbe avvicinare il Regno Unito all'Ue?