ULTIM'ORA

Le shebeke, mosaici di vetro realizzati senza colla né chiodi

Le shebeke, mosaici di vetro realizzati senza colla né chiodi
Dimensioni di testo Aa Aa

In quest’episodio di Postcards in Azerbaigian andiamo a scoprire le vetrate colorate, o “shebeke”, del palazzo dei Khan a Sheki. Un’arte le cui origini risalgono al diciottesimo secolo.

Azerbaigian: le cifre

  • Paesi confinanti: Iran, Armenia, Georgia e Russia
  • Superficie totale: 86.600 chilometri quadrati
  • Lingua principale: azero; seconda lingua parlata: russo
  • Popolazione: 9,6 milioni
  • Capitale: Baku
  • Aspettativa di vita: 68 anni per gli uomini, 74 per le donne (fonte: Onu)
  • Principali prodotti esportati: petrolio e prodotti petroliferi (fonti: Onu e Banca mondiale)

Si tratta di mosaici di vetro, inseriti in bacchette di legno, che possono essere di quercia o di noce.

In alcune di queste finestre, o shebeke, ci sono più di 14 mila pezzi, montati assieme senza colla né chiodi. Tutto un lavoro di intarsio e di pazienza.

In passato i mercanti azeri, per poter fabbricare queste vetrate, barattavano spezie e seta in cambio di vetro di Murano.

Tofig Rasulov, maestro shebeke, spiega: “Ci vogliono sei mesi per montare un metro quadro. Un errore di meno di un millimetro fa crollare tutto. Per restaurare il palazzo dei Khan si sono usate delle pinzette, e ci sono voluti due anni”

Le shebeke sono come la luce: apparentemente fragili, ma in realtà robuste e affidabili, giorno dopo giorno.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.