ULTIM'ORA

Libia: liberata Bengasi

Libia: liberata Bengasi
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La città libica di Bengasi in festa, dopo la cacciata totale dei jihadisti che pone fine a tre anni di combattimenti. L’annuncio ufficiale è stato fatto alla televisione dall’uomo forte dell’est del paese, il Tenete generale Khalifa Haftar :

A partire da ora, Bengasi entra in una nuova fase di sicurezza, pace, riconciliazione, armonia, ricostruzione, gli sfollati potranno tornare a casa, dopo che abbiamo rotto il giogo dell’oppressione, dell’ingiustizia, superando le barriere della paura e del terrore.

Grande il sollievo della popolazione della seconda città del paese:

Fawzia, abitante di Bengasi, dice:

Siamo felici per questa vittoria e per la liberazione delle zone di Akhrebish e Sabri. Dio è grande. Viva la Libia, Dio benedica il nostro esercito, il Generale Haftar, il Colonnello Bukhamada, capo delle Forze speciali, e tutti i soldati. Dio li benedica, congratulazioni per questa vittoria!

Bastione della rivoluzione libica contro l’ex dittatore Gheddafi, nel 2011, Bengasi, mille chilometri a est di Tripoli, era poi finita sotto il controllo dei miliziani estremisti islamici affiliati all’Isis e ad Al Qaeda.

Dopo la caduta di Gheddafi, provocata dall’intervento armato internazionale, il paese è precipitato nel caos. Due entità si disputano il potere: un governo di unità nazionale a Tripoli, riconosciuto dalla comunità internazionale e un’altra entità di cui è espressione il maresciallo Haftar, dapprima sostenuto dall’Egitto e dagli Emirati e poi dalla Russia. Oggi le forze di Haftar controllano, tra l’altro i quattro principali terminal petroliferi orientali, da cui viene esportata la maggior parte del greggio libico.

Dopo questo successo, Haftar sembra iimporsi come un protagonista delle possibili soluzioni per il Paese.


Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.