EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ecco come Facebook non gestisce sesso, terrorismo, violenza

Ecco come Facebook non gestisce sesso, terrorismo, violenza
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo le linee guida scoperte da The Guardian il social network non è in grado di effettuare un vero controllo sui contenuti sensibili

PUBBLICITÀ

Violenza, razzismo, pornografia, terrorismo: ecco come la più potente rete sociale al mondo li gestisce.

Il quotidiano britannico The Guardian, a conclusione di una lunga inchiesta, ha rivelato quali sono le linee guida stabilite da Facebook per la gestione dei temi più sensibili. E la conclusione non è rassicurante: secondo il Guardian il social network di Mark Zuckerberg sostanzialmente non è in grado di tenere sotto controllo i contenuti che pubblica.

Una dei punti che più solleva le polemiche è la scelta di non impedire agli utenti di mettere on-line video contenenti atti di autolesionismo “allo scopo di “non censurare o punire persone in difficoltà che tentano il suicidio”, in base alle note interne ottenute dal Guardian”:https://www.theguardian.com/news/2017/may/21/facebook-users-livestream-self-harm-leaked-documents.

Facebook è oggetto di pressione crescente nelle ultime settimane dopo i casi emblematici di omicidi-suicidi commessi in diretta sulla rete sociale. In Thailandia, il caso di un padre che uccide la figlia prima di suicidarsi. A Cleveland l’omicidio di un passante ripreso in diretta dal killer che si autodenuncia. Principale ostacolo per un reale controllo dei contenuti: l’enorme massa del loro flusso, immagini in primis.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

VIDEO: Un attacco aereo russo colpisce un ecoparco nella regione di Kharkiv

Terremoto a Taiwan, le telecamere riprendono la terra che trema

Facebook, Instagram e le app Meta fuori uso per ore: "Problema tecnico"