EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Strage San Pietroburgo, l'attentatore è kamikaze kirghiso di 22 anni

Strage San Pietroburgo, l'attentatore è kamikaze kirghiso di 22 anni
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Akbarzhon Jalilov, 22 anni, cittadino russo ma nato in Kirghizistan, nella città di Osh.

PUBBLICITÀ

Akbarzhon Jalilov, 22 anni, cittadino russo ma nato in Kirghizistan, nella città di Osh. Ormai non ci sono più dubbi. E’ lui il kamikaze della strage alla metropolitana di San Pietroburgo che ha fatto 14 morti e oltre 50 feriti. La conferma arriva dal Comitato Investigativo Russo. Da sei anni il giovane viveva nella città colpita.

BREAKING: Russia says St Petersburg blast suspect carried out by suicide bomber – after body parts found https://t.co/yK7jqAbGfGpic.twitter.com/4rrOXTj9JP

— Daily Express (@Daily_Express) April 4, 2017

Russia, un kamikaze kirghiso dietro la strage di #sanpietroburgo: sarebbe “Akbarjon #Djalilov, nato nel 1995” → https://t.co/rCqLThZveqpic.twitter.com/D6U5T85hhT

— Rainews (@RaiNews) April 4, 2017

“Gli esperti forensi hanno scoperto tracce genetiche dell’uomo anche su un pacco con un ordigno esplosivo alla stazione Ploshchad Vosstaniya”, conferma Svetlana Petrenko, portavoce del pool investigativo. “Dalle prove genetiche e dalle telecamere si pensa che l’attentatore sia la stessa persona che ha lasciato anche la valigietta con la bomba inesplosa.”

#BREAKING Russia says metro blast suspect Djalilov planted second bomb

— AFP news agency (@AFP) April 4, 2017

Quello che non è chiaro è il motivo del folle gesto, un gesto che avrebbe potuto provocare ancora più danni e morti. “In quel momento non avevo tempo di pensare alla paura, dice il conducente della vagone, ho fatto solo mio lavoro. Non c’era panico, quando si è aperta la porta della prima carrozza tutti i passeggeri sono rimasti in piedi per capire cosa stava accadendo.”

Finora nessun gruppo ha rivendicato l’attacco. Le piste più accreditate, ma non confermate portano all’Isil o al terrorismo islamista di matrice caucasica. Intanto il Ministro della Salute, ha chiesto ai cittadini di donare il sangue. Un gesto di solidarietà e unità.

Death Toll in Russia Bombing Jumps as Attacker Reportedly ID'd https://t.co/Zb14ZSgUVQ

— hundred twenty one (@10021pop) April 4, 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Strage a san Pietroburgo: il giorno del lutto

San Pietroburgo, si segue la pista khirghisa. Il presunto kamikaze aveva 22 anni

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"