EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lituania, Russia potrebbe attaccare il Baltico in 24 ore

Lituania, Russia potrebbe attaccare il Baltico in 24 ore
Diritti d'autore 
Di Luca Colantoni
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Capo dell'Intelligence lituana: "Con le loro capacità, la NATO diventa prevedibile"

PUBBLICITÀ

La Russia avrebbe sviluppato la capacità di lanciare un attacco agli Stati Baltici con un preavviso di sole 24 ore, limitando e prevenendo potenzialmente l’arrivo di rinforzi Nato. Questo è quanto emerso dalla valutazione annuale delle minacce militari prodotta dal servizio di intelligence della Lituania, come spiega il capo del controspionaggio Remigius Baltrenas: “La priorità della Russia resta invariata ed è quella di rinforzare le sue capacità verso le regioni occidentali e Kaliningrad. Loro si orientano verso la velocità di reazione militare e deterrenza. La Russia sarebbe in grado di avviare un’azione militare contro gli Stati baltici in 24-48 ore”

Secondo la relazione, la Russia si è dotata fra l’altro di aerei da combattimento Su-30 e di sistemi missilistici in grado di colpire navi quasi ovunque sul Mar Baltico. Quest’anno la Nato ha deciso di stanziare una forza di circa mille soldati per ognuno dei tre Stati Baltici e in Polonia: contingenti che si aggiungeranno a quelli più piccoli che gli Usa già detengono nella regione. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha liquidato le preoccupazioni come una manifestazione di sentimenti anti russi: “Si sta sviluppando una totale e isterica russofobia – ha detto – Mosca ha sempre supportato buone relazioni con gli Stati Baltici”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: arrestati due sospettati per l'attacco a Leonid Volkov, capo dello staff di Navalny

Lituania, festa per i vent'anni dall'adesione alla Nato, Nausėda: "Russia incombe ma non siamo soli"

Lituania: attentato contro Volkov, caccia all'aggressore