EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Usa. La Cia tenta di difendersi di fronte alle rivelazioni di Wikileaks

Usa. La Cia tenta di difendersi di fronte alle rivelazioni di Wikileaks
Diritti d'autore 
Di Andrea Neri Agenzie:  REUTERS, AFP, ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Casa Bianca: perseguiremo chiunque diffonda informazioni che mettono a rischio la sicurezza nazionale

PUBBLICITÀ

Di fronte alle rivelazioni di Wikileaks, la Cia tenta di contenere i danni. La pubblicazione del dossier denominato Vault 7 da parte del gruppo fondato da Julien Assange mette in imbarazzo sia la passata amministrazione, sotto la quale il programma di super-spionaggio sarebbe stato concepito ed attuato, che il Presidente Donald Trump che non più tardi di 6 mesi fa dichiarava il proprio amore per Wikileaks in occasione della pubblicazione delle e-mail di John D. Podesta, direttore di campagna elettorale di Hillary Clinton.

Sean Spicer, portavoce della Casa Bianca: “Vorrei essere chiaro e credo che il Presidente lo abbia già detto: chiunque diffonda informazioni riservate dovrà risponderne davanti alla giustizia. Porteremo in tribunale chi diffonde informazioni riservate. Qui si tratta di scherzare con la nostra sicurezza nazionale, non è un fatto che venga preso alla leggera da questa amministrazione” ha affermato durante il punto con la stampa.

Stando agli oltre 8.000 documenti diffusi da Wikileaks la Cia, grazie ad un sofisticato programma di hackeraggio, sarebbe in grado di introdursi in ogni tipo di smartphone e persino in alcuni televisori di ultima generazione. Il sistema avrebbe permesso inoltre di infrangere le barriere di sicurezza dei più popolari servizi di messaggi istantanei e navigatori GPS.

La natura e il significato dei documenti, dal contenuto prettamente tecnico, vengono tuttavia ridimensionati da diversi esperti secondo i quali, nella maggioranza dei casi, i sistemi di spionaggio cui si fa riferimento sarebbero decisamente datati rispetto alla tecnologia attuale. Esperti citati dal New York Times sottolineano ad esempio che uno dei documenti rivelati discute le tecniche per effettuare una copia rapida di un floppy-disk da 3,5 pollici… Una tencologia probabilmente ignota a chiunque abbia meno di 35 anni.

RELEASE: Vault 7 Part 1 “Year Zero”: Inside the CIA’s global hacking force https://t.co/h5wzfrReyypic.twitter.com/N2lxyHH9jp

— WikiLeaks (@wikileaks) 7 marzo 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spionaggio Usa: "La Germania prende sul serio le rivelazioni di Wikileaks"

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti

Udienza per l'estradizione di Assange, gli Usa: Ha messo in pericolo vite innocenti