EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Venezuela, Trump chiede il rilascio di Lopez. Il Tribunale supremo ne conferma la condanna a 14 anni

Venezuela, Trump chiede il rilascio di Lopez. Il Tribunale supremo ne conferma la condanna a 14 anni
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Puntano a ricorrere agli organismi sovranazionali di giustizia, i sostenitori del leader venezuelano dell’opposizione Leopoldo Lopez, condannato a 14 anni di…

PUBBLICITÀ

Puntano a ricorrere agli organismi sovranazionali di giustizia, i sostenitori del leader venezuelano dell’opposizione Leopoldo Lopez, condannato a 14 anni di carcere.

Ieri la moglie, Liliana Tentori, era stata ricevuta alla Casa Bianca dal presidente statunitense Donald Trump.

“Ho avvertito che per la politica estera statunitense quella del nostro paese è una priorità. A Washington conoscono tutti i dettagli di quello che accade in Venezuela”.

Dopo l’incontro il presidente ha diffuso attraverso i social network la sua richiesta di immediata liberazione dell’esponente politico. Subito dopo il Tribunale supremo di Giustizia di Caracas ha confermato la condanna a 14 anni di carcere.

Leopoldo Lopez si trova in carcere da tre anni. Arrestato nel culmine di una manifestazione dell’opposizione, è accusato di istigazione alla violenza; una accusa che per i suoi sostenitori è tutta politica.

In questo clima, le autorità hanno oscurato il segnale della Cnn in spagnolo, dopo che questa aveva denunciato un presunto traffico di passaporti venezuelani a favore di sospetti terroristi islamici, notizia definita falsa dal governo.

Lunedi Washington aveva adottato sanzioni contro il vicepresidente venezuelano el-Aissami, accusato di proteggere un traffico di droga tra Venezuela, Messico e Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezuela, mandato d'arresto per il leader dell'opposizione Juan Guaidó

Gaza, non si fermano le proteste: a Tel Aviv per gli ostaggi, a Los Angeles contro l'università

Buenos Aires, scontri tra manifestanti anti-Milei e polizia fuori dal Congresso argentino