EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Samsung: arrestato per corruzione il vicepresidente Lee

Samsung: arrestato per corruzione il vicepresidente Lee
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lee Jae-Yong, vicepresidente di Samsung e nipote del fondatore, è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta per corruzione che vede coinvolte anche la presidente della Repubblica Park Geun-hye, sotto

PUBBLICITÀ

Lee Jae-Yong, vicepresidente di Samsung e nipote del fondatore, è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta per corruzione che vede coinvolte anche la presidente della Repubblica Park Geun-hye, sotto impeachment, e la sua confidente Choi Soon-sil. Oltre che di corruzione, è accusato anche di frode e spergiuro. Il giudice a gennaio aveva respinto la richiesta di arresto dei pubblici ministeri. Lee Jae-Yong ora potrebbe essere formalmente incriminato, i pm lo possono detenere fino a un massimo di 20 giorni.

Secondo la procura, l’erede della famiglia fondatrice del gigante sud coreano, avrebbe versato a due fondazioni di Choi Soon-sil fondi per 36,3 milioni di dollari. Lo scopo era avere il via libera dal governo a un’operazione di riordino del gruppo Samsung che avrebbe permesso il passaggio dei poteri dal padre Lee Kun-hee al giovane. Choi Soon-sil, consigliera della presidente Park Geun-hye, è finita in manette con l’accusa di aver incassato tangenti dai grandi gruppi industriali in cambio di favori politici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arrestato l'erede Samsung, la tangentopoli di Seul fa tremare la Corea del Sud

Tangentopoli in Corea del Sud, erede Samsung di nuovo di fronte ai magistrati

Russia, in manette un francese accusato di non essersi dichiarato "agente straniero"