ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Questione "donne di conforto": Giappone richiama ambasciatore da Seul

euronews_icons_loading
Questione "donne di conforto": Giappone richiama ambasciatore da Seul
Dimensioni di testo Aa Aa

Una questione non ancora risolta tra Giappone e Corea del Sud, dai tempi della seconda guerra mondiale quella “donne di conforto” principlamente sudcoreane, soggette a schiavitù sessuale da parte delle truppe giapponesi. Tokyo ha richiamato l’ambasciatore dellla Corea del Sud per una statua di una giovane ragazza eretta come segno di protesta davanti al consolato giapponese di Busan in Corea del Sud. Il Giappone ha accusato Seoul di non rispettare gli accordi del 2015, bloccando gli indennizzi offerti alle famiglie sudcoreane coinvolte, in cambio di uno stop alle polemiche.

Secondo le stime sarebbero 200mila in tutto le donne oltre che sudcoreane, indonesiane e cinesi sottoposte a schiavitù sessuale dalle truppe giapponesi nel corso del secondo conflitto mondiale. Secondo alcuni storici come Lee Yeong-Hun si trattava di “prostitute volontarie”, per altri l’esercito e la marina giapponesi erano responsabili della coercizione.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.