Attentato di Berlino: la difficile inchiesta

Attentato di Berlino: la difficile inchiesta
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La morte del presunto colpevole lascia tante domande aperte

PUBBLICITÀ

Anis Amri è stato ucciso nel piazzale davanti alla stazione di Sesto San Giovanni nella notte fra giovedi e venerdì in uno scontro a fuoco con due agenti che volevano controllare i suoi documenti.

Prima dell’attacco, il cittadino tunisino di 24 anni si è filmato nella stessa Berlino, prestando fedeltà al sedicente Stato islamico. Il documento è stato pubblicato dal Qama, l’agenzia di stampa affiliata a Daesh.

Dalla Germania verso l’Italia

Fra gli effetti personali di Amri è stato trovato un biglietto ferroviario da Chambery in Francia, a Milano, via Torino. L’attentatore ha fatto questo percorso? Per ora il procuratore federale tedesco Peter Frank non conferma:

Per noi è di fondamentale importanza capire che tragitto abbia seguito, se avesse dei complici su cui contava per la fuga e per nascondersi. Dobbiamo anche capire se l’arma che ha usato a Milano è la stessa con cui ha sparato a Berlino.

Da Lampedusa a Berlino

Anis Amri è arrivato sull’isola di Lampedusa con un barcone di clandestini nel 2011. Nel corso del suo soggiorno in Sicilia è stato condannato per violenza e incendio doloso e ha scontato quattro anni di carcere.

A Oueslatia, in Tunisia, uno dei fratelli di Anis, Abdelkader Amri , chiede il rimpatrio della salma e dice:

Ieri avevo detto che lo avremmo ripudiato se fosse stato dichiarato colpevole, ma perché ucciderlo prima di processarlo? I giornali tedeschi dicono che è un capro espiatorio. Era ancora solo sospettato per l’attentato. Lo avrebbero dovuto arrestare e interrogare, non uccidere.

La morte di Anis Amri lascia in effetti molte domande aperte cui l’inchiesta dovrà rispondere.

La prima è senz’altro come abbia fatto ad attraversare indisturbato almeno due paesi europei prima di arrivare in Italia, fra cui uno, la Francia, in cui vige lo stato di emergenza e dunque ha misure di sicurezza rinforzate proprio per minaccia terroristica.

Attentat de Berlin. Anis Amri est passé en France et a pris un train à Lyon avant de passer par #Chambéry vers Milan (Europe1</a>). <a href="https://t.co/DGJBO2eu22">pic.twitter.com/DGJBO2eu22</a></p>&mdash; Visactu (visactu) 23 décembre 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlino insieme: un concerto per le vittime dell'attentato di Natale

Il lungo e violento viaggio di Anis Amri

Merkel: "La nostra democrazia e i nostri valori saranno più forti del terrorismo"