EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il lungo e violento viaggio di Anis Amri

Il lungo e violento viaggio di Anis Amri
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Di Anis Amri ora gli inquirenti stanno verificando ogni aspetto: sul viaggio di ritorno in Italia dopo la strage, ma anche a Reggio Calabria, da cui ha detto di provenire per evitare il…

PUBBLICITÀ

Di Anis Amri ora gli inquirenti stanno verificando ogni aspetto: sul viaggio di ritorno in Italia dopo la strage, ma anche a Reggio Calabria, da cui ha detto di provenire per evitare il controllo.
Verifiche sono in corso anche in Sicilia, nelle località toccate dalla sua peripezia, in un crescendo di violenza: il salvataggio in mare, lo sbarco a Lampedusa, il periodo al centro d’accoglienza a Catania e l’incendio, appiccato con altri quattro migranti per protesta. Condannato a quattro anni per incendio, lesioni, minaccia, passò da un carcere all’altro, d’aggressione in aggressione, di minaccia in minaccia. Sei carceri, fino a quello palermitano dell’Ucciardone dove potrebbe essersi radicalizzato.

In Tunisia, la famiglia di Amri vuole vederci chiaro: hanno chiesto di sapere i dettagli della sparatoria e dell’attentato di Berlino, ma è la madre stessa a dirsi pronta a cancellarlo dalla memoria:

“Ho quattro figli maschi, compreso lui, e penso che non lo conteremo più. Sono notizie orribili, vogliamo sapere la verità, se è stato davvero lui a fare quelle cose e poi lo puniremo tutti. Non dirò mai più che è mio figlio, perché ha tradito noi e la Tunisia. Non sarà più mio figlio”.

È una famiglia tradizionale, con nove figli (cinque femmine oltre ai quattro maschi), nel povero entroterra tunisino, nella zona montagnosa di Oueslatia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlino ricorda le vittime dell'attacco del 2016

Merkel: "La nostra democrazia e i nostri valori saranno più forti del terrorismo"

Si conclude a Sesto san Giovanni la fuga dell'attentatore di Berlino