This content is not available in your region

La banca olandese ING taglia 7.000 posti di lavoro

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La banca olandese ING taglia 7.000 posti di lavoro

Ormai è un’abitudine. Quando si tratta di abbassare i costi le aziende licenziano i dipendenti.
Da questa logica non sfugge il comparto bancario. ING, l’istituto di credito olandese ha annunciato che in cinque anni taglierà 7.000 posti di lavoro, di cui tremila in Belgio e il resto nei Paesi Bassi.

In una nota la banca, che nel 2008 (nel pieno della crisi) venne salvata dallo Stato olandese, specifica che i licenziamenti consentiranno un risparmio pari a 900 milioni di euro all’anno. 800 milioni saranno investiti
per un’ulteriore transazione al digitale.

“Tagliare posti di lavoro in Occidente – spiega Jasper Lawler, analista presso CMC Markets – o spostare i posti di lavoro in aree a costi inferiori, fa parte della politica di risparmio. Questa epoca di bassi tassi d’interesse comprime la capacità delle imprese finanziarie di avere un ritorno sugli investimenti e la capacità delle banche di ottenere un ritorno sui prestiti”.

Ma ING non è l’unica ad adottare simili soluzioni. La tedesca Commerzbank ha annunciato 9.600 tagli. Tremila i posti di lavoro che verranno soppressi dal Banco Popular Español. In Italia si prevedono almeno 22.000 prepensionamenti nel settore entro il 2020.