EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Belgio: primo caso di eutanasia su un minorenne. Il dibattito nel Paese si riaccende

Belgio: primo caso di eutanasia su un minorenne. Il dibattito nel Paese si riaccende
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Belgio, per la prima volta, un minorenne affetto da una malattia terminale ha scelto, con il benestare dei genitori, l’eutanasia.

PUBBLICITÀ

In Belgio, per la prima volta, un minorenne affetto da una malattia terminale ha scelto, con il benestare dei genitori, l’eutanasia. Non si conosce l’età del bambino né la malattia da cui era affetto.

Il regno è l’unico Paese al mondo ad autorizzare l’eutanasia senza alcun limite d’età. Ma la legge pone dei vincoli severi. Occorre infatti che il minore, malato incurabile, in grado di intendere e volere, scelga in totale autonomia di voler mettere fine a una sofferenza ‘costante e insopportabile’.

“Prima di tutto – spiega Wim Distelmans, presidente della Commissione federale che valuta e controlla caso per caso – fortunatamente non accade spesso che un minore sia in uno stato terminale. Secondo: i medici ancora utilizzano il vecchio metodo. Alla fine inducono un coma artificiale nel paziente, ciò che viene chiamata sedazione palliativa”.

La legge è entrata in vigore nel febbraio del 2014. L’obiettivo è consentire anche ai minorenni quella che viene definita ‘una morte dignitosa’. La richiesta di eutanasia deve essere comunque vagliata da un’equipe medica e da uno psichiatra o da uno psicologo.

“Avere dato questa possibilità – assicura Jean-Jacques De Gucht, senatore e attivista pro-eutanasia – ha fatto in modo che un sacco di persone, che sono confrontate a una malattia, abbiano trovato la pace mentale perché sanno di poter richiedere l’eutanasia. Non è che necessariamente la richiederanno, ma il fatto di poterlo fare per molti rappresenta una grande differenza”.

L’approvazione della legge aveva scatenato un violento dibattito nel Paese di tradizione cattolica. Alcuni pediatri e tutta la gerarchia della Chesa si erano schierati contro. Ma i parlamentari hanno scelto diversamente.

Voor het eerst in ons land krijgt kind euthanasie https://t.co/sLCarqSEFb#nieuwsbladpic.twitter.com/rLmcvsNb8J

— Het Nieuwsblad (@Nieuwsblad_be) September 17, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Che mistero è la vita: il caso Alfie

Eutanasia, l'atleta paralimpica Vervoort: "Ora sono troppo felice per voler morire"

Scegliere l'eutanasia contro la morte