EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sud Sudan: tiene il cessate il fuoco, l'Onu denuncia una crisi umanitaria

Sud Sudan: tiene il cessate il fuoco, l'Onu denuncia una crisi umanitaria
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il cessate il fuoco sembra tenere in Sud Sudan, dopo quattro giorni di combattimenti.

PUBBLICITÀ

Il cessate il fuoco sembra tenere in Sud Sudan, dopo quattro giorni di combattimenti. La tregua è stata ordinata dal presidente Salva Kiir e dal suo rivale, il vicepresidente Riek Machar. 300 le vittime negli scontri fra le truppe governative fedeli al presidente, di etnia dinka, e gli ex ribelli di etnia nuer che appoggiano il vicepresidente.

“Dichiaro che le forze che guido non stanno combattendo le forze di governo: le persone del Sud Sudan chiedono la pace, non vogliamo proseguire questa guerra insensata”, ha detto il generale Dau Aturjong.

Tra le due fazioni è in corso un conflitto per il potere politico che dal dicembre 2013 ha fatto quasi 50mila morti. L’Onu ha denunciato una crisi umanitaria

“Il bilancio preliminare degli sfollati per i combattimenti degli ultimi giorni nella capitale ci dice che 36mila persone sono alla ricerca di un riparo nell’area per la Protezione dei civili (PoC) a Juba, capitale del paese, e in altre località. La maggior parte delle persone colpite sono donne e bambini. Raggiungere chi ha bisogno è reso difficile dai combattimenti e dall’insicurezza”, ha spiegato la portavoce delle Nazioni Unite a Ginevra, Alessandra Vellucci.

La mancanza di sicurezza ha spinto molte ambasciate, come quella del Giappone, ad evacuare i propri connazionali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Violenza ad Haiti, il primo ministro Ariel Henry si dimette e resta a Porto Rico

Pam, "Il Sudan rischia la più grande crisi di fame al mondo": in pericolo 25 milioni di persone