Strage Dacca, Renzi e Abe: "non arretreremo"

Strage Dacca, Renzi e Abe: "non arretreremo"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“L’Italia non arretra di fronte al terrorismo”, ha detto in mattinata Matteo Renzi, commentando la strage di Dacca.

PUBBLICITÀ

“L’Italia non arretra di fronte al terrorismo”, ha detto in mattinata Matteo Renzi, commentando la strage di Dacca. E ha aggiunto:

“I terroristi vogliono strappare la quotidianità della nostra vita. Noi abbiamo il dovere di rispondere con ancora più decisione e determinazione in difesa dei nostri valori. Insieme agli altri Paesi che sono stati colpiti, il Bangladesh, il Giappone e a tutti i Paesi della comunità internazionale che hanno vissuto pagine come quella che viviamo oggi noi continueremo la nostra lotta perché tutti insieme, tutti uniti possiamo affermare un’idea di civiltà che è diversa da quella che abbiamo purtroppo visto in azione questa notte in Bangladesh”.

L’altro Paese colpito duramente è il Giappone, e il premier, Shinzo Abe, ha tenuto a sottolineare il contributo dato dalle vittime al Paese in cui si trovavano:

“Queste persone hanno lavorato duramente per lo sviluppo del Bangladesh, e questo accresce ulteriormente la tristezza. Vite innocenti prese da un terrorismo crudele, atroce, e io provo una grande indignazione. Questa è una sfida ai valori condivisi dalla comunità internazionale. Condanniamo con forza il terrorismo”.

Gli Italiani uccisi erano in gran parte imprenditori. La Farnesina, prima di dare informazioni ufficiali e di confermare i nomi, ha atteso di poter informare le famiglie. Il Ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha esortato il mondo islamico a isolare il terrorismo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Russia: uccisi due terroristi che organizzavano attacchi

Arrestato a Roma un uomo affiliato all'Isis: usava diverse identità per sfuggire alla cattura