EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

La Svizzera dice no al reddito di base ma per i promotori non è un'utopia

La Svizzera dice no al reddito di base ma per i promotori non è un'utopia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Svizzera ha bocciato la proposta di introdurre il reddito di base incondizionato ma il dibattito è tutt’altro che archiviato.

PUBBLICITÀ

La Svizzera ha bocciato la proposta di introdurre il reddito di base incondizionato ma il dibattito è tutt’altro che archiviato. In festa la città di Basilea, la Svizzera è stata la prima nazione a organizzare una consultazione popolare del genere, ma altri Paesi come la Finlandia stanno considerando questa possibilità.

Per i promotori del referendum, come Daniel Häni, non è un’utopia. “Il reddito di base incondizionato per tutti in Svizzera ha ottenuto il consenso del 20%, ossia di un votante su cinque. Questo significa che esiste un trend, che l’idea è stata lanciata”, ha commentato Daniel Häni.

“Credo che il risultato è questa bella festa, le persone e i loro sorrisi. Tutto questo esprime un sentimento positivo, una voglia di cambiamento, per costruire una società migliore”, aggiunge uno degli aderenti all’iniziativa.

Daniel Häni ha un bar nel centro di Basilea, “Unternehmen mitte”, che è diventato un luogo di incontro e di idee.

Zweidrittel-Mehrheit für Grundeinkommen in der EU

«Die Zustimmung zu einem bedingungslosen Grundeinkommen lag in… https://t.co/jN6iKTsrgD

— Daniel Häni (@kulturimpuls_CH) 21 maggio 2016

Come quella di scaricare milioni di monetine sulle strade per dire che è possibile condurre un’esistenza dignitosa e partecipare alla vita pubblica, anche senza esercitare un’attività lucrativa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Svizzera non passa il referendum sul reddito di cittadinanza incondizionato

Il reddito universale, questo sconosciuto

L'Europa che voglio: lavoro e aziende, cosa farei da europarlamentare