EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nasce Africanews, la sorella africana di euronews

Nasce Africanews, la sorella africana di euronews
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le trasmissioni del canale all-news iniziano questo mercoledì. Giornalisti e tecnici arrivano da tutto il continente

PUBBLICITÀ

Non è ancora nata, ma già fa parlare di sé.
È Africanews, la sorella nera di euronews, che debutta sul piccolo schermo questo mercoledì.

La sede centrale è a Point-Noire, Repubblica del Congo.

Un centinaio di dipendenti, tra giornalisti corrispondenti e tecnici, aglofoni e francofoni, costituiscono la redazione e arrivano da tutto il Continente:

Narkwor Kwabla, vice caporedattore, del Gana.

“All’inizio ci siamo dovuto adattare gli uni agli altri, siamo arrivati a Point-Noire da paesi di lingua inglese e francese; con il tempo abbiamo imparato a lavorare insieme. Abbiamo imparato a collaborare per la riuscita del progetto.

Canale all news in lingua inglese e francese, Africanews spera di trasmettere quanto prima in lingua swahili.
Il punto di vista di africanews è chiaramente afrocentrico:

Wahany Sambou, giornalista senegalese:

“L’informazione africana è prioritaria, se guardate i pezzi in onda, riguardano tutti l’attualità africana”.

Ma su Africanews si troverà molto di più.

Il sito web è attivo da diversi mesi, giornalisti e tecnici lavorano al canale televisivo da quasi un anno.

Jean-David Mihamlé, giornalista camerunense.

“Solitamente sono gli affari esterni che influenzano quelli africani. Per una volta diamo una prospettiva africana, è questo che rappresenta Africanews”.

E allora, auguri e lunga vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"

Giornalisti Rai in sciopero per 24 ore, Usigrai: "controllo asfissiante" del governo

Slovacchia, il populista Fico mette le mani sulla tv pubblica