EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bangladesh: confermata pena di morte per un leader di Jamaat-e-Islami

Bangladesh: confermata pena di morte per un leader di Jamaat-e-Islami
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Corte Suprema del Bangladesh ha confermato la condanna a morte del leader islamico Mir Quasem Ali per crimini di guerra che risalgono al 1971

PUBBLICITÀ

La Corte Suprema del Bangladesh ha confermato la condanna a morte del leader islamico Mir Quasem Ali per crimini di guerra che risalgono al 1971, durante la lotta di indipendenza dal Pakistan.

Quasem Ali, 64enne industriale e tesoriere del partito Jamaat-e-Islami, in gioventù faceva parte di una milizia filo-pachistana. Nel 2014 fu condannato da un tribunale speciale per aver ucciso sette indipendentisti, tra cui un minorenne.

La Corte Suprema, cui i suoi legali hanno fatto appello, lo ha prosciolto per tre dei 4 capi di imputazione, ma ha confermato la pena capitale per l’ultimo.

La sicurezza è stata rafforzata a Dacca nel timore di rappresaglie dei militanti islamici.

Nei nove mesi di guerra morirono circa 3 milioni di persone.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bangladesh: incendio in un centro commerciale a Dacca, 44 vittime

Stati Uniti, condannato il figlio di Biden Hunter: "Rispetto la giustizia" dice il presidente Usa

Andrew Tate andrà a processo in Romania per traffico di esseri umani e stupro