Spagna: processo Noos, Infanta non risponde alle domande dell'accusa

Spagna: processo Noos, Infanta non risponde alle domande dell'accusa
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si è avvalsa della facoltà di non rispondere. L’Infanta Cristina di Borbone, sorella di re Felipe VI di Spagna, ha testimoniato per la prima volta al

PUBBLICITÀ

Si è avvalsa della facoltà di non rispondere. L’Infanta Cristina di Borbone, sorella di re Felipe VI di Spagna, ha testimoniato per la prima volta al processo per lo scandalo Noos davanti al tribunale di Palma di Maiorca. L’infanta ha risposto solo alle domande del suo avvocato e non a quelle dell’accusa, dichiarando di non aver saputo che la carta di credito usata per le spese personali sue e del marito fosse intestata alla compagnia di loro proprietà: “Mio marito ha spiegato la questione della carta di credito. Gli è stata offerta e lui l’ha accettata, ma era a suo carico, come lui ha già spiegato. Non ricordo di averla usata”, ha dichiarato la principessa.
“Perchè Lei ha acquisito il 50% del capitale sociale della compagnia?”, ha chiesto il suo legale. “Me lo ha chiesto mio marito e quindi io ho accettato. Lui era l’amministratore e ha sempre preso le decisioni in base ai consiglio del suo commercialista”, ha risposto l’Infanta.

La principessa è accusata con il marito Inaki Urdangarin di presunte malversazionI nella gestione della fondazione Noos. L’infanta rischia in teoria 8 anni di carcere, il marito 19. E’ la prima volta da quando la monarchia è stata ripristinata in Spagna che un membro della famiglia reale viene sottoposto a processo penale e rischia il carcere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Spagna metterà fine ai visti d'oro per gli investitori immobiliari stranieri

Migranti, alle isole Canarie arrivano sempre più minori non accompagnati: si moltiplicano i centri

Italia, maxi frode sui fondi Pnrr dell'Ue: 22 arresti e sequestri da 600 milioni di euro