EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bosnia: proteste per il divieto dell'hijab nelle sedi giudiziarie

Bosnia: proteste per il divieto dell'hijab nelle sedi giudiziarie
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Bosnia la difesa dell’hijab si realizza per le strade. A Sarajevo circa duemila persone, soprattutto donne, hanno realizzato una marcia silenziosa

PUBBLICITÀ

In Bosnia la difesa dell’hijab si realizza per le strade. A Sarajevo circa duemila persone, soprattutto donne, hanno realizzato una marcia silenziosa per protestare contro la decisione di vietare l’uso di tutti i simboli di carattere religioso nelle sede delle istituzioni giudiziarie.

La comunità musulmana rappresenta il 40% della popolazione.

“Per me il velo è tutto: la mia vita, il mio credo – dice una manifestante – Il mio amore per Allah”.

Secondo gli organizzatori del corteo la disposizione limita la libertà dei cittadini.

“Vogliamo una società democratica e libera – dice Ismet Becar, organizzatore della manifestazione – in cui è possibile travestirsi da Michael Jackson se uno lo desidera. Una società in cui è possibile stare nudi e allenarsi davanti a una finestra. Allo stesso modo, deve essere consentito l’uso del velo per coprire il capo e permettere ai cittadini di indossare i vestiti che preferiscono”.

In Bosnia durante il regime di Tito era vietato indossare l’hijab. Oggi solo una minoranza lo utilizza, mentre restano rare le donne totalmente velate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa