EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Siccità: in Zimbabwe è stato dichiarato lo stato di calamità

Siccità: in Zimbabwe è stato dichiarato lo stato di calamità
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Emergenza siccità in Zimbabwe dove il presidente Robert Mugabe ha dichiarato lo stato di calamità. I numeri sono allarmanti: oltre 16.000 mucche sono

PUBBLICITÀ

Emergenza siccità in Zimbabwe dove il presidente Robert Mugabe ha dichiarato lo stato di calamità. I numeri sono allarmanti: oltre 16.000 mucche sono morte e il 75% dei raccolti è andato perso. In totale 2,44 milioni di persone si ritrovano in una situazione di incertezza alimentare, vale a dire il 26% della popolazione. Nel Paese le riserve d’acqua sono vuote per metà. Il Programma alimentare mondiale ha lanciato l’allarme:

“Dichiarare questa siccità un’emergenza e portare delle prove sul fatto che avrà un impatto sulla popolazione, significa porre l’attenzione sullo Zimbawe e la regione del sud dell’Africa, affinche i donatori e la comunità internazionale riconoscano che ci troviamo di fronte ad un grave emergenza”, dice Eddie Rowe coordinatore nel Paese del Programma alimentare mondiale.

Nell’Africa australe ci sono quattordici milioni di persone minacciate dalla fame, secondo l’organismo delle Nazioni Unite. Una situazione aggravata dal fenomeno climatico di El Niño.
Il presidente dello Zimbabwe ha puntato il dito contro le sanzioni internazionali per le violazioni dei diritti umani che avrebbero diminuito la produzione agricola. Per l’opposizione, invece, il settore primario si è molto indebolito dopo la riforma agraria del 2000 e la ridistribuzione delle terre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stato di emergenza in Zimbabwe per un'epidemia di colera

Zimbabwe, un giorno in più per votare. L'opposizione denuncia brogli ed errori

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico