EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I Giochi Olimpici e l'incubo Zika

I Giochi Olimpici e l'incubo Zika
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A sei mesi dalle Olimpiadi di Rio de Janero , il virus Zika perturba gli ultimi preparativi. Contro l’epidemia, il Paese al mometno può fare solo

PUBBLICITÀ

A sei mesi dalle Olimpiadi di Rio de Janero , il virus Zika perturba gli ultimi preparativi.
Contro l’epidemia, il Paese al mometno può fare solo prevenzione. Le donne incinte, le più vulnerabili:

“Applico ogni 20 minuti una lozione contro gli insetti, cerco di indossare indumenti, ma con questo caldo è troppo”.

Visto che se ne parla molto in questi giorni in relazione al virus Zika: che cos’è la microcefalia? (spiegato bene) https://t.co/K4I8TlGPP3

— Il Post (@ilpost) 3 Febbraio 2016

Il governo brasiliano sconsiglia alle donne in stato interessante di recarsi nel Paese, mentre l’Organizzazione mondiale della Sanità ha fatto scattare l’allarme a livello internazionale.

La coincidenza dei Giochi Olimpici amplifica quella che è già un’emergenza a livello globale.
Anche se il Comitato organizzatore dei Giochi giura che gli atleti non corrono pericolo. In agosto in Brasile, sarà inverno:

Joao Grangeiro, director del servizio medico dei Giochi :

“Non è il perido delle piogge per noi per cui il rischio di una vasta contaminazione durante le Olimpiadi non è così grande”.

Le compagnie aeree stanno facendo un gesto di buona volontà nei confronti delle donne in dolce attesa, spingedosi fino a rimborsare i biglietti o posticipare la data del viaggio in Paesi toccati dal virus.
Per il momento, i turisti continuano a andare in Brasile, dove circa 1 milione e mezzo di persone avrebbero contratto il virus.

Un turista britannico: “Le cose che sentiamo in Europa sono abbastanza sapaventose ma non ci bloccanod al venire in questo Paese stupendo”. Per il momento non si registrano annullamenti, piuttosto un aumento delle assicurazioni per annullare eventualmente un viaggio, in attesa di vedere come l’epidemia Zika evolverà prossimamente. L’epidemia si è propagata rapidamente sul Continente americano e solo il Cile e il Canada non hanno registrato ancora nessun caso.

Virus Zika è corsa contro il tempo, dopo la trasmissione sessuale verso gli esperimenti farmaceutici https://t.co/rQdA2MSCD7

— intelligonews (@intelligonews) 3 Febbraio 2016

L’Oms prevede che 4 milioni di persone verranno infettate nelle Americhe, mentre il virus ha fatto la sua comparsa in almento 30 Paesi del mondo intero.

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute/2016/02/01/zika-oms-dichiara-emergenza-internazionale_6a2e6c50-4f4c-4d85-86bf-29361fec0782.html

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Virus Zika, impennata di assicurazioni sui viaggi in America Latina

I residenti delle Baleari sono stufi del turismo di massa

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa