EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cina: 4 operai estratti vivi da una miniera dopo 36 giorni

Cina: 4 operai estratti vivi da una miniera dopo 36 giorni
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ore di panico e profondi momenti di sconforto nel video di uno dei minatori cinesi rimasti intrappolati per 36 giorni da un crollo avvenuto in una

PUBBLICITÀ

Ore di panico e profondi momenti di sconforto nel video di uno dei minatori cinesi rimasti intrappolati per 36 giorni da un crollo avvenuto in una miniera di gesso.

Quattro operai sono stati tratti in salvo a Pingyi, nella provincia orientale dello Shandong. Per tirarli fuori, racconta l’agenzia Xinhua, sono stati scavati due grossi fori in corrispondenza dei tunnel della miniera, da cui i quattro sono stati estratti in una sorta di grande capsula.

Il crollo della miniera, avvenuto il 25 dicembre scorso, per cause ancora da accertare, aveva coinvolto 29 operai. Una persona è morta subito, 11 sono state messe in salvo il giorno successivo, degli altri 17 minatori solo 4 hanno resistito oltre un mese.

I soccorritori avevano captato i primi segnali di vita il 30 dicembre, ed erano riusciti a contattare i quattro superstiti l’8 gennaio.

Le operazioni per raggiungere i minatori – grazie a una galleria di soccorso a 200 metri di profondità – sono state rese difficili dall’instabilità strutturale della miniera.

Secondo la stampa cinese le autorità avevano ordinato già nell’ottobre scorso la chiusura dell’impianto e di altre miniere vicine a causa di alcuni crolli, ma i lavori di estrazione erano andati avanti clandestinamente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina: salvati dopo 36 giorni 4 minatori intrappolati in una cava di gesso

35 anni da piazza Tiananmen: il mondo ricorda il massacro del 4 giugno 1989, la Cina no

Putin in Cina: Xi mi ha parlato della tregua olimpica in Ucraina sostenuta da Macron